L’ABBAZIA DELLA VANGADIZZA



Il destino di Badia e’ legato a doppio filo con quello dell’Abbazia (Abbadia) da cui la piccola città’ trae il nome. Meno chiara e’ invece l’etimologia della Vangadizza, per cui la tradizione popolare ama riferirsi ad una vanga, che sarebbe stata sepolta nelle sue fondamenta, mentre una tradizione piu’ colta parla di una derivazione da “vangadicium”, ovvero terreno da vangare, luogo in cui sarebbe sorto il complesso abbaziale. La fantasia degli etimologisti non ha limiti e quindi possiamo considerare il mistero di questo nome ancora aperto ad altre dotte illazioni.


Fu in un luogo denominato “Petra”, in prossimtà’ di un castello che già si ergeva a proteggere la terra dalle continue scorrerie nemiche, che – intorno all’anno 903 – Almerico Marchese di Mantova, affiancato dalla moglie Franca Lanfranchi, fece edificare la chiesa di Santa Maria della Vangadizza. Fu per merito di Ugo II, marchese di Toscana, se, negli anni a seguire, fu eretto in prossimita’ della chiesa un monastero il cui priore benedettino fu investito di beni e di grande potere. L’Abbazia fu beneficata dagli Estensi e dai pontefici romani che la decretarono “nullius diocesis”, con territorio e parrocchie dipendenti, fino al 1792, quando fu aggregata alla diocesi di Adria. Venne soppressa nel 1810, con il decreto napoleonico.


I resti del monastero presentano un primitivo nucleo romanico, a testimonianza dello schema architettonico benedettino. All’Abbazia si accede da via Cigno. Attraverso un portale arcuato, con fregi in cotto, di delicata fattura,si entra nel chiostro, edificato nel 1200 e perfezionato due secoli dopo, con risultati di sorprendente armonia architettonica.


Recentemente sono stati restaurati il campanile e la Cappella della Beata Vergine, decorata con pregevoli affreschi dal bresciano Filippo Zaniberti(1585-1636).


Purtroppo la chiesa vera e propria è ridotta ai muri perimetrali, entro cui sono cresciuti alberi e copiosa vegetazione. La testimonianza del passato splendore e’ ormai affidata soltanto alla grazia del chiostro e ai resti della cappella, anche se il vero fascino di questa abbazia, va al di là dei suoi ruderi: è una magia misteriosa, ispirata dall’ “aria del tempo”.


Dentro il chiostro di questa mitica abbazia, nasce l’incipit del mio romanzo Signora a una piazza.


(g.g.)

Annunci

34 responses to this post.

  1. Mi piacerebbe visitarla.. Buona domenica, un abbraccio 🙂

    Rispondi

  2. Fantastiche queste vecchie Abbazie con i loro chiostri dal profumo di paradiso. Felice giornata. 🙂 Lo.

    Rispondi

  3. Grazie,Lo,e anche a te felice giornata.

    Rispondi

  4. Sarebbe molto bello organizzare un incontro, Ele.

    Rispondi

  5. Che meraviglia 🙂 Spero di poterla vedere, un giorno. Belle anche le foto che, ormai da esperta internettiana, hai messo online :)) Sil

    Rispondi

  6. Devo venirla a vedere, Gardenia. Dopo questa descrizione non posso esimermi. Grazie e una felice giornata. Percival

    Rispondi

  7. Ci conto, Percy e grazie dela tua cortesia, g.

    Rispondi

  8. Lo spero anch’io, Sil, e tutto quello che so di Internet lo devo a te, mia generosa amica.

    Rispondi

  9. Bellissimo questo post!!
    Badia diventa sempre più interessante da visitare:-)!!
    luigi

    Rispondi

  10. Sei veramente gentile, Luigi.

    Rispondi

  11. Grazie cara Gardenia..grazie per le tue parole..spero che tu abbia ragione e, che la luce e speranza mi stiano davvero venendo incontro….! Ti abbraccio :o)

    Rispondi

  12. Buona serata, Gardenia, e un abbraccio. Percival

    Rispondi

  13. Grandissima fata del basso polesine… ma quando organizzi un radunoblog dove ci presenti qualche cosa di sublime… parlavo di risotti e altre prelibatezze. Slurp ;P
    speedostima

    Rispondi

  14. Speedsimpatia, qui è Altopolesine, però! Un bacio da g.

    Rispondi

  15. Percy, consoiderati ri-abbracciato!

    Rispondi

  16. Vedrai che non mi sbaglio Simona, stanne certa e rasserenati, g.

    Rispondi

  17. Ciao, che bella sorpresa ci siamo trovati al nostro ritorno.. abbaimo lasciato il nostro commento più in basso nel post. A presto.. Buona serata..

    Rispondi

  18. La tua dedica ci lusinga!!:-)

    Rispondi

  19. Che bella descrizione dell’Abbazia, anch’io voglio vedere, visitare bellezze di tali natura….a presto….

    Rispondi

  20. Grazie mille dell’omaggio floreale 🙂 e una serena notte. Lo.

    Rispondi

  21. Buonanotte anche ad Artemisia e a uomonero, con affetto, g.

    Rispondi

  22. Serenanotte anche a te, LO carissima.

    Rispondi

  23. ‘buona giornata G. 🙂

    Rispondi

  24. Da ragazzino andavo spesso a calarmi nei sotterranei di un castello gonzaghesco nell’alto mantovano. Ne subivo il fascino. Ogni volta rischiavo di farmi male ma ci tornavo sempre. La penombra, vecchie serrature, corridoi di pietre consumate… Forse e’ l’immaginare storie, avventure, amori, uomini e donne di altri secoli… come vivere in un film…
    Non so, ma sono sempre “magici” questi luoghi.
    Buoni giorni Gardenia.
    Muji

    Rispondi

  25. Buongiorno, mia inesauribile scrittrice. Percival

    Rispondi

  26. Ciao Gardenia, noto che sei sempre super impegnata nel tuo scrivere! Ti auguro una buona giornata

    Rispondi

  27. Anche a te, Jo, una buonissima giornata.

    Rispondi

  28. Buongiorno a te, Percy.

    Rispondi

  29. Hai perfettamente captato il “clima”, l’atmosfera, Muji, carissimo, g.

    Rispondi

  30. Buonagiornata anche a te, gattaca.

    Rispondi

  31. Felice settimana Gard, a dopo :-)) Lo.

    Rispondi

  32. In quale città si trova questa abbazia?

    Rispondi

  33. ciao sono ritornata dagli europei se vuoi sapere com’è andata passa a farmi visita ciao nuvolaf.

    Rispondi

  34. Mi complimento, nuvola, per il buon piazzamento, g.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: