Archive for giugno 2004

Domani mattina partirò per le vacanze, portandovi nel cuore. Al mio ritorno, spero di ritrovarvi tutti qui. Saluto anticipatamente gli amici nuovi che passeranno da queste parti. Lascio agli amici “linkati” un bacio e precisamente a: Splinder

Blog Aggregator - The journal!
a.moroni
acquarium
Alicetizzy
alidada
alina
angelocesare
angelodellaneve
anima
antonella
barone
battelloebbro
Belynda
bigmarlin
Blogaggregator
Bob
Briciolanellatte
capitano-tequila
cicabu
cigale
cioccolata
colfavoredellenebbie
cometa
coralla
cuckoo
cuoreaffilato
dolittle
Ellie
esmivida
Fatos
fleurs
Flor
freddy
gabbiano
Gabri
gagarin
gattaca2k3
Gatti & Gatti
Gemma
giarina
gilgamesh
gingy
GORDON PYM
Grazia
Guardiano
Herzog
ilduca
indeblog
ipanema
janex
joguitar
Justannie
lacerniera
ladyangel
lam
Lino-Alp
live
lorelei
Luciano Somma
luna
lunaria
mammalara
maxblog
melusinach
Momi
mongolfiera
mutty
neuronipalpitanti
Never
Nouri
nuvola
occidente
Orsotenero
ovidio
pattinando
percival
photobloggingsil
piccolopanzer
pinoscaccia
Placida Signora
polentaecammelli
precipitandosivola
proibito
qualcosadime
Rita
satelliteluna
satine
schermonero
scream76
Sebozona
sil
simona
skipper
speedo 2
starsailor
Stefania
stepa
topox
tristano
uomonero
vally1979
Wungenz
zanzarina









































































































Esiste un animale più voluttuoso del gatto e un poeta più seducente di Baudelaire?

34 • IL GATTO

 


Vieni, mio bel gatto, sul mio cuore innamorato; ritira le unghie nelle zampe, lasciami sprofondare nei tuoi occhi in cui l’agata si mescola al metallo.

Quando le mie dita carezzano a piacere la tua testa e il tuo dorso elastico e la mia mano s’inebria del piacere di palpare il tuo corpo elettrizzato,

vedo in ispirito la mia donna. Il suo sguardo, profondo e freddo come il tuo, amabile bestia, taglia e fende simile a un dardo, e dai piedi alla testa

un’aria sottile, un temibile profumo ondeggiano intorno al suo corpo bruno.

(Ch. Baudelaire)

 

«Il mio tempo non è ancora venuto. Alcuni nascono postumi.»

«Tutto ciò che è fatto per amore è sempre al di là del bene e del male.»

(F.Nietzsche

Amo molto Emily Dickinson, qui, se vi interessa, potete leggere quanto ho scritto di lei, tempo fa, nelle pagine culturali dell’ARENA e godetevi la struggente poesia:

47

Cuore, lo dimenticheremo!

Tu ed io – questa notte!

Tu il calore che ti ha dato –

Io, la luce!

 

Avvertimi, ti prego quando avrai

finito, così che io subito cominci!

Presto! Non vorrei mi tornasse in mente

proprio mentre tu indugi

(1858)

 

Oggi L’ARENA ha pubblicato la mia recensione di un libro non impegnativo, ma di agevole lettura, adatto alle vacanze. Si intitola «Il sogno di Claire», di Stéphanie Gertler, per i tipi di Corbaccio.

Libri ad emozione controllata

 

Molti romanzi pubblicati da Corbaccio, a partire da La casa delle sorelle e La donna delle rose di Charlotte Link, non dimenticando Quel tipo di ragazza e Una vita sensata di Mary Wesley, sono passati sotto la nostra penna, esprimendo giudizi in proposito, su queste colonne. E ora è la volta de Il sogno di Claire di Stephanie Gertler.

 

Cosa accomuna questi testi inerenti il pianeta femminile? I temi sono simili, anche se espressi con piglio diverso: l’amore, il vibrare dei sensi, il gusto per il mistero e per l’intrigo. Certamente, avere assemblato in una collana questo tipo di letteratura, faciliterà la scelta di quelle lettrici che amano la leggerezza dell’evasione, traendola dalle pagine di libri rassicuranti e ad emozione – come dire? – controllata.

 

I personaggi di questo genere letterario vivono spesso in dimore di tipo vittoriano, perché un pizzico d’antan ci sta sempre bene e fa atmosfera. Quindi, anche Claire ed Eli, protagonisti del romanzo della Gertler, abitano in una residenza con queste caratteristiche, adibita a pensione, a Drifting, nelle coste del Connecticut. Psicologa lei, veterinario lui, si amano teneramente, genitori felici di bravi figli, ormai cresciuti.

 

Se tutto continuasse così liscio, ne uscirebbe un romanzo privo di emozioni.

 

Ecco che arriva alla pensione Nicholas Pierce, corredato di Kayla, la sua piccola figlia cieca. Da questo momento la trama si fa più intensa, perché Claire che era stata abbandonata ad appena due anni d’età da una madre (tipo «balocchi e profumi»), presa dalla sua carriera artistica e annoiata dal matrimonio – seppur allevata da Jack, un padre meraviglioso – non ha mai risolto il suo doloroso problema dell’abbandono. Tema forte, questo, più volte trattato in letteratura, qui arricchito dal parallelo Claire-Kayla. La nostra psicologa rivive nei Pierce la sua mai veramente superata vicenda, ingelosendo forse anche un poco il marito che la vede così interessata a padre e figlia, ospiti della loro pensione. Claire cerca di sostituirsi alla madre mancante, dando alla piccola quello che tanto avrebbe voluto avere negli anni infantili, ma che non le è stato dato.

 

La sua ansia di identificazione, atta ad aiutarla a superare il suo trauma infantile, non le risparmierà brutte sorprese.

 

Nicholas è uno psicotico, un uomo a sua volta traumatizzato da fallimenti, che insegue suoi oscuri programmi di vendetta nei confronti della moglie, accusata di aver abbandonato quella figlia che, in realtà, è stato lui a sottrarle.

 

Fortunatamente, la figlia verrà restituita alla madre, ma il momento più emozionante del romanzo è quello in cui Claire maturerà il progetto di ritrovare chi l’aveva, a sua volta, così ingiustamente abbandonata.

 

Sebbene avesse detto in passato alla sua adorata figlia, che l’aveva sollecitata a questa ricerca: «È solo che non so cosa fare se dovessi trovarla. Se mi chiedesse scusa per essersene andata, non so se sarei capace di perdonarla. E se non le dispiacesse, credo che mi sentirei abbandonata un’altra volta», Claire, dopo la vicenda di Kayla, si ammorbidisce e si mette in cammino per ritrovare, dopo oltre quarant’anni, chi le aveva dato la vita, staccandosi da lei, quando più avrebbe avuto bisogno delle sue cure.

 

 

Le pagine della maturazione del progetto di ricerca sono le più tormentate. «E se l’avesse trovata e avesse scoperto tracce di Sulie (nome della madre ndr) in se stessa? E se fosse stato meglio non rievocare la sua decisione di andarsene? Jack conosceva Sulie come un marito dovrebbe conoscere la moglie, come Elie conosceva lei? Elie capiva che qualcosa non andava da un semplice gesto della mano, da uno sguardo, dal tono della voce quando lo salutava.»

 

A questo punto, lasciamo al lettore il piacere della scoperta.

 

Si incontreranno veramente Claire e Sulie?

 

E la figlia sarà capace di perdonare?

 

Un po’ di suspense non guasta, anche quando si sente nell’aria odor di lieto fine. (g.g.)

Stephanie Gertler «Il sogno di Claire» Corbaccio pp. 298 € 16,50

 

 

 

Ieri – mammùt, babbùt e fliùt – siamo stati al mare a ripulire il monolocale delle vacanze. Tra una decina di giorni stacco da tutto. E poi ritorno fra voi, rinfrancata e nuovamente piena di voglia di fare, scrivere, comunicare. Questo è un pre-arrivederci. Sto scrivendo gli ultimi pezzi per i giornali; riodinando armadi e cassetti; surgelando cibarie per chi resta a casa e rivedo solo nei fine settimana.

Domenica 27 c.m. sarò nella chiesa parrocchiale di Cento (FE) – ore 10,30 del mattino – a presentare l’opera del pittore Maurizio Barozzi con Giancarlo Cappello e Gianfranco Maretti Tregiardini.

Potete leggere qui mie impressioni sull’opera dell’artista.

Ricevo dalla Feltrinelli Un tacito mistero: il carteggio Vittorio Sereni-Alessandro Parronchi (1941-1982), prefato da Giovanni Raboni che sottolinea come il titolo, così enigmatico, derivi dai versi, scritti nel retro di una busta, per mano di Parronchi: «noi a noi stessi un tacito mistero.» Adoro i carteggi, anche perché mi piace ricevere lettere e scriverne, a mia volta, sebbene la posta elettronica vada sopraffacendo la comunicazione cartacea. E voi, cosa ne pensate?