Archive for agosto 2003

Sono tornata. Ho trascorso una piacevole vacanza serena in un luogo di mare poco frequentato, molto “nature”, con tratti di arenile in cui si respira un clima selvaggio, vagamente “africano”. Qui si costeggiano i detriti portati dal mare. Alberi divelti e levigati dalla salsedine sembrano statue lignee, sculture indecifrabili, totem misteriosi. C’è la “strega dai lunghi capelli”, una specie di Gorgone arborea che incute vagamente paura; si profila oscuro all’orizzonte il “transatlantico” ed è accasciata a terra la “Mater dolorosa”, che piange riversa, in direzione del lago. Pomposamente è detto il lago un grande stagno intorno cui fiorisce rigogliosa l’erica del Reno. Alla stagione giusta è cigliato d’ametista, un velo leggero gli vibra attorno: sembra fatto di lievissimi flabelli in fiore. A parte queste mie divagazioni oniriche, Spina, non offre nulla di speciale o di mondano. E’ un luogo in cui passeggiare, nuotare, leggere, riflettere. Ho scritto recensioni, chiacchierato con amici, mangiato ottimo pesce e sono tornata a casa, color cioccolato, ritemprata, felice di ritrovarvi. Ora la vita riprende il suo corso.

Annunci