Compulsion

IL LIBRO La riproduzione di Adelphi

“Compulsion” Il romanzo verità è nato con Levin

Grazia Giordani

Pubblicato nel 1956 è il precursore di un genere oggi molto alla moda

Mercoledì 26 luglio 2017

Cultura pagina 45

Ricostruire i fatti di sangue oggi è divenuto un intrattenimento di massa. Ma Meyer Levin è stato a pieno titolo un precursore col suo «Compulsion» ( Adelphi, pp.580, euro 28, con una premessa di Marcia Clark e un’introduzione di Gabriel Levin, traduzione di Gianni Pannofino).

«Prima di ‘’A sangue freddo’’, prima del ‘’Canto del boia’’, fu ‘’Compulsion’’ di Meyer Levin – scrive in premessa Marcia Clark – l’alfiere di quello che chiamiamo romanzo-verità. Lo lessi per la prima volta a otto anni. Avevo trovato su un comodino un’edizione economica ingiallita dagli anni. Non avevo la capacità di comprendere la profondità della narrazione e riconoscere la bellezza della prosa, ma fu un’esperienza indelebile. Da quel giorno, non avrei mai smesso di pensarci. Rileggendolo oggi, resto di nuovo meravigliata dal talento di Levin e dagli aspetti suggestivi e senza tempo del caso di Nathan Leopold e Richard Loeb. Per chi non sia esperto di cronaca nera, ‘’Compulsion’’ racconta la storia vera di due rampolli di famiglie multimilionarie che nel 1924, quando avevano l’uno diciannove anni e l’altro diciotto, rapirono e assassinarono un quattordicenne soltanto (a quanto pareva) per vedere che effetto faceva, per dimostrare di essere capaci. La vittima, Robert Franks, era figlio di una famiglia non meno facoltosa che apparteneva al loro stesso ambiente. Leopold e Loeb decisero di chiedere un riscatto molto basso, diecimila dollari, perché sapevano che il padre del rapito l’avrebbe pagato senza problemi».

Cosa si può arrivare a fare per dimostrare di essere superiori? Persino uccidere. Infatuati dalla teoria nietzscheana del superuomo (ricordate Raskol’nikov in «Delitto e castigo»?) per dimostrare la loro superiorità sui più deboli, questi due arrivano al delitto più efferato. In tribunale, un avvocato contrario alla pena di morte, riesce a salvarli con l’ergastolo. Da questa storia forte, incredibile, che per lunghi anni appassionò gli interessati alle storie del crimine, è stato tratto da Hitchcok un omonimo capolavoro cinematografico «Nodo alla gola».

Il romanzo non è prettamente giudiziario, ma è teso nel rapporto di sfida e nell’incomunicabilità tra il vivere civile e lo sprezzante atteggiamento del classismo ideologico. La meravigliosa arringa dell’avvocato che salva i due assassini dalla pena di morte lascerà il lettore con un dubbio morale e personale, diviso tra il desiderio di vendetta e la necessità di vedere i fatti in altro angolo visuale.

Quel che è certo, nessun lettore resterà indifferente, senza una propria valutazione emotiva.

Meyer Levin (1905-1981), uno dei migliori scrittori americani della tradizione realista, è stato giornalista, romanziere e drammaturgo. Cresciuto a contatto con l’ambiente della ricca Chicago degli anni Venti, conobbe all’università Nathan Leopold e Richard Loeb, i due giovanissimi assassini dei quali indagò personalità e moventi dopo aver seguito, in qualità di reporter del «ChicagoDaily News», gli sviluppi dell’inchiesta. Il romanzo è uscito per la prima volta nel 1956.

Grazia Giordani

Annunci

2 responses to this post.

  1. veramente intrigante è la trama. Sereno fine settimana
    Un abbraccio
    GP

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: