Sylvia

IL LIBRO. Tradotto il romanzo di Michaels

Sylvia, l’amore
malato precipita
verso il suicidio

Grazia Giordani

La morte della moglie dell’autore e il dramma dell’incomunicabilità

 

 

  • giornale
  • e-mail
  • print

giovedì 13 ottobre 2016 CULTURA, pagina 47

È uno sconvolgente e perturbante romanzo «Sylvia» di Leonard Michaels che Adelphi (pag. 129, 16 euro) ci propone ora tradotto da Vincenzo Vergiani.Racconta del suicidio della prima moglie dell’autore nel Greenwich Village agli albori degli anni Sessanta, ovvero nel periodo in cui «Elvis Presley e Allen Ginzberg erano i re del sentimento e la parola «ama» risuonava come un proclama con la forza di «uccidi» e attraverso le finestre del soggiorno si sentiva la gente camminare in un carnevale demente, urlante, attaccando briga, assetata di cattiveria».Ci troviamo sotto gli occhi, proseguendo nella lettura, l’esempio più classico di un «amour fou», di un sentimento che se non sapessimo aver legato veramente lo scrittore a questa stranissima donna, potrebbe suonare come mera invenzione letteraria.La narrazione è uno strano ibrido verosimile di un fatto, purtroppo, realmente accaduto, giocato sui brani di diario (dal dicembre 1960 all’agosto 1963), capaci di creare l’espressione più tangibile tra memoir e romanzo. Un percorso nel quale l’amore poco a poco precipita verso la morte.In «Sylvia» l’amore inizia nel più casuale dei modi, come spesso accade nella vita di molti di noi.Dopo un insoddisfacente corso post universitario, Leonard torna a New York, supportato da una famiglia sempre compiacente e protettiva. Va a trovare una vecchia amica nel Village che gli presenta un’enigmatica ragazza bruna, dal fascino egizio. La scintilla d’amore si accende immediata, scrive l’autore.Il romanzo assurge alla dimensione paranoide di un saggio sul disturbo della personalità di cui la protagonista è chiaramente affetta, maniacale in tutto e, ai nostri occhi, abbastanza insopportabile.Ma Leonard l’ama, l’asseconda, mentre Sylvia, ossessionata anche dalle dimensioni del suo naso che non ha nulla di anomalo, cade in una spirale senza fine di gelosie e sospetti.Ci sembra di sentire l’odore perverso della droga che aleggia nell’aria del sordido appartamentino in cui vivono i due protagonisti che finiranno – ahimé – anche con lo sposarsi, tra liti infernali e riconciliazioni perverse. Perché un clima di perversità e perversione si respira dall’inizio alla fine della lettura.Sylvia non vorrebbe che Leonard scrivesse, perché si sente trascurata, inadeguata, non abbastanza amata, nonostante i furibondi amplessi.Un noir d’amore malato è in definitiva questo romanzo quasi autobiografico che precipita in un esito devastante anche perché i protagonisti sono incapaci di comunicare con savia razionalità «troppo istupiditi dal sentimento per divertirci – scrive nell’incipit l’autore – proseguimmo insieme frastornati, alla deriva in quel caldo onirico».Leonard Michaels (1933-2003), dopo il suicidio di Sylvia, riuscì a dare un senso alla sua vita, autore di numerosi racconti di grande successo, di svariati saggi critici e autobiografici e di due romanzi, passò la prima parte della sua vita a New York e in seguito si trasferì in California, dove insegnò a lungo letteratura inglese e americana all’università di Berkley.«Sylvia», scritto inizialmente come breve testo autobiografico, fu ampliato e pubblicato come romanzo nel 1992.

 

Annunci

3 responses to this post.

  1. se lo dici tu, ti credo. Come stai? E’ tanto che non ci sentiamo.
    IO così così. Problemi ai denti che non riesco a risolvere.
    Un abbraccio
    Gian Paolo

    Rispondi

  2. Perché non scambiamo due chiacchiere al telefono, qualche volta Gian Paolo?
    Ho risolto il problema cui accenni con un’implantologia a Legnago, vivente il mio mai abbastanza rimpianto marito. Certo, i propri denti sono altra cosa, ma invecchiamo e ci dobbiamo adattare.
    Affettuoso abbraccio.
    Grazia

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: