ECCO I TESORI DEI RODIGINI

Virgilio Guidia (1)

Da Boldini a Chagal, esposte le opere inedite della collezione

Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

Ormai da parecchi lustri, Rovigo si concede una sola mostra d’arte all’anno, ma sempre di raffinata originalità, per scelta dei temi e per suggestione delle proposte, tanto che le date espositive hanno sempre dovuto godere di proroghe, a causa del copioso afflusso di pubblico da tutte le parti d’Italia e non solo.

‹‹Al primo sguardo – Opere inedite dalla Collezione della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo›› è il  titolo dell’esposizione di quest’anno che aprirà i battenti nel capoluogo polesano dal 27 febbraio al 5 giugno 2016, voluta dalla Fondazione e con due novità: doppia sede espositiva e la gratuità del biglietto d’ingresso. Coi tempi che corrono, non ci appare questa una notizia irrilevante.

A Palazzo Roverella, sede della Pinacoteca dei Concordi e di tutte le grandi esposizioni d’arte rodigine e nel dirimpettaio Palazzo Roncale, potremo visitare l’ampio corpus di opere riguardanti i due più recenti secoli, l’Ottocento e il Novecento, pur prevedendo alcune imprescindibili eccezioni.

Come da lungo tempo avviene, curatore della mostra sarà Giandomenico Romanelli, affiancato da Alessia Vedova.

Cuore espositivo, in quanto novità,  prevediamo sarà la collezione del mecenate Pietro Centanini che ha voluto donare questi suoi tesori alla Fondazione, affinché il corpus resti integro e fruibile dalla collettività. Artisti, dal nord al sud, si offriranno al nostro sguardo, nominando ora, per brevità, il Palizzi, De Nittis, Lega, Ghiglia, Boldini, Fattori, Soffici, Rosai, De Chirico, Zandomeneghi, Milesi, Nono, Licata, Utrillo e Chagal. Per non parlare dei vedutisti veneziani, fra cui il celeberrimo Guardi.

Alla collezione Centanini, di cui sopra, si unirà il nucleo maggiore della Fondazione Cariparo, pronta ad offrirci l’arco di 5 secoli di storia dell’arte veneta ed italiana. Una carrellata nella bellezza con sosta obbligata davanti a Giovanni Fattori e senza trascurare il pittore scultore Medardo Rosso, famoso per l’introspezione psicologica che sembrava zampillare dalle sue opere.

Navigheremo tra il verismo e l’impressionismo e,  con un salto ancor più ardito, incontreremo uno dei più importanti nuclei degli artisti che, nel 1959, si riconoscevano nel ‹‹Manifesto del Gruppo N››, formatisi proprio a Padova, intenti a creare un’arte impersonale che al singolo antepone il collettivo. Fra costoro, Manfredo Massironi si vedrà impegnato in esperimenti sui processi percettivi, impostati sulla presentazione di  figure geometriche la cui sequenza è regolata da un particolare principio:  ogni figura ha un lato in comune con quelle generate precedentemente. Dai classici del passato, passeremo agli sperimentali e incontreremo il grande Bruno Munari (1907-1998) di fama mondiale, che ha lasciato un pezzetto di cuore a Badia Polesine dove ha trascorso la prima giovinezza.

Anche uno spicchio di post Futurismo non ci verrà negato, con Tullio Crali (1910-2000). Grande spazio all’ecclettico Tono Zancanaro (1906-1985) e al surrealista, ottantenne, Concetto Pozzati (1935).

Gloria rodigina, e non per motivi sciovinistici, resta Mario Cavaglieri (1887-1969) di cui gli appassionati potranno rivedere opere note e meno note, non paghi della personale di strepitoso successo che abbiamo gustato anni fa al Roverella.

A nostro avviso, sarà questo ‹‹A primo sguardo›› un’occhiata lunga e profonda di un’esposizione da centellinare lentamente, gratificati dal riposo della vista fra i classici, eccitati dagli esperimenti percettivi dei più moderni per cui l’opera non esiste senza il fruitore e noi saremo là a fruirne insieme al folto pubblico della consuetudine.

La mostra sarà aperta tutti i giorni, eccetto il lunedì, a Palazzo Roverella e a Palazzo Roncale, ad ingresso gratuito.

Grazia Giordani

Annunci

2 responses to this post.

  1. Mostra di grande interesse anche per la bellezza delle sedi espositive

    Rispondi

  2. Ottima notizia e un cast di prim’ordine. Merita un pensiero e una visita a Rovigo.
    Ci vediamo l’otto a Ferrara
    GP

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: