Classe 1939 Storia di un medico di famiglia

Il medico di famiglia, storia di autopsicanalisi borghese

  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenti 
  • Fresco di stampa, il libro di Arnaldo Marzotti, classe 1939, Storia di un medico di famiglia (Il Cerchio, 128 pagine, 18 euro) presenta in copertina l’immagine del medico di famiglia per eccellenza, proprio come vive nel nostro immaginario, raffigurato da un bel dipinto di Max Lieberman, Il chirurgo Ferdinand Saverbruch, 1932.

L’originalità di questo romanzo/confessione sta nel fluttuare tra realtà vera e immaginata, come se l’autore si concedesse una seduta di autopsicanalisi, nel contempo concedendosi a noi che lo ascoltiamo commossi e divertiti.
Coinvolgente il capitolo sui «giochi di guerra» di Arnaldo bambino che vive in una famiglia della buona borghesia, padre sotto le armi, madre russa ebrea, lievemente blasée, come erano le signore raffinate di quel tempo, ricoperto dalle attenzioni della tenera governante Ninina.
A una carriera scolastica fulminea, con laurea e plurispecializzazioni in moltissime branche della medicina, fa seguito un matrimonio avventato con un’avida sposa più anziana, corredata di figlio che si appropria di tutti gli averi dell’ingenuo professore di troppe discipline e di poca furberia del vivere.
Quando tutto sembrava perduto, e la depressione poteva annullarlo, entra nella sua vita una salvifica giovane, «dallo sguardo di camoscio», che lo sposa in chiesa, fortemente credente, che gli dà tre figli, facendogli credere nuovamente nei valori della famiglia, aiutandolo a superare anche con la preghiera, le imboscate che, inevitabilmente, ti tende la vita.
E poi c’è la fantasia a farlo viaggiare nel reale e nel pensato, c’è la ritrovata Speranza. Al di là delle suggestioni autobiografiche sempre di godibile lettura, anche nei momenti di dolore, il romanzo vale per la bella prosa elegante e per l’allure onirica di certi passi, per quei tratti che sarebbero piaciuti ad Italo Svevo e che qui, volutamente, non anticipiamo, per solleticare la curiosità del lettore.

Grazia Giordani
Grazia Giordani

Annunci

3 responses to this post.

  1. Pubblicato in ARENA e bRESCIAOGGI

    Rispondi

  2. Intrigante romanzo autobiografico, almeno mi è parso di capire. Credo che valga la pena di acquistarlo dopo una recensione così sottile e interessante che ci lascia con la curiosità.
    Serena serata.
    Un grande abbraccio
    Gian Paolo

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: