Jean Rhys, l’inquieta scrittrice del passato, riscoperta da Adelphi

Il mondo dell’arte e della letteratura è più che mai un paese straniero, percorso da vicoli oscuri che possono riprender luce in modo improvviso, uscendo dall’insidia dell’oblio. Ad occuparsi di repêchage di scrittori altrimenti dimenticati ci sembra essere soprattutto Adelphi che ci propone, a breve distanza, Quartetto (pp.172, euro 16, traduzione di  Franca Cavagnoli ) e Il grande mare dei sargassi (pp.171, euro 12, Traduzione di Adriana Motti), entrambi opera di Jean Rhys, scrittrice britannica di origine caraibica. La fama di questa scrittrice, dotata di un inquietante realismo magico – soprattutto nella parte centrale de Il mare dei sargassi –  che sarebbe piaciuto a Garcia Marquez e forse anche alla nostra Elsa Morante, ha una allure più che mai altalenante. In effetti, i suoi primi quattro romanzi, pubblicati tra gli anni Venti e Trenta, lasciarono muta la critica che si accorse di lei, assieme ai suoi  lettori, molto tardi, col più sopra citato romanzo,  nel 1966, quando ormai l’autrice aveva compiuto 76 anni. Nel 1977, per merito di questo romanzo, vinse il WH Smith Literary Award. Fama arrivata, purtroppo, molto  in ritardo. Prequel di Jane Eyre, addirittura risposta postmoderna e postcoloniale al capolavoro di Charlotte Brontë, Il grande mare dei sargassi presenta innanzi tutto l’originalità di rendere protagonista della narrazione un personaggio minore dell’opera brontiana, quello da noi conosciuta come la folle reclusa, l’esotica Bertha Mason, moglie di Rochester, relegata in soffitta,  vulnerata da  una pericolosa pazzia. Questa labile ombra, trasformata in protagonista, dalla penna della Rhys, diventa Antoinette, una bellissima creola che vive la propria infanzia su un’isola caraibica nel periodo immediatamente successivo all’abolizione della schiavitù giamaicana. Per metà bianca, quindi disprezzata dai nativi locali e per metà legata alla cultura indigena, prova, fin dagli anni infantili, l’esperienza dell’isolamento e dell’ apartheid. Una vita, fin dagli esordi, sventurata – quella della giovane – con l’eredità della pazzia che già porta sulle spalle: la madre ricoverata in manicomio e la cura della sua educazione affidata ad una mami, cultrice della magia, che contribuirà ad incrinare il matrimonio col marito inglese (nel romanzo innominato, ma che noi lettori sappiamo essere Rochester) pronto, per gelosia, a strapparla dalla sua terra, per rinchiuderla nella tetra soffitta del castello inglese. L’incipit e la fine del romanzo hanno un certo parallelismo con l’opera della Brontë, la parte centrale è – a nostro avviso – quella che maggiormente incuriosisce il lettore, così venata di visionarietà ed esotica magia.

Quartetto, uscito nel 1928, nell’indifferenza totale di critica e lettori, è in realtà una piccola perla autobiografica. Nel 1981 – tutto avviene sempre in ritardo per questa sfortunata scrittrice – James Ivory  sceglie Quartetto addirittura per trarne un film, ma la Rhys è già morta da tre anni. Il romanzo è la storia di un singolare ménage à trois, protagonista Marya che vive a Parigi da quattro anni, proveniente dall’Inghilterra ed è sposata con Stephan, un mercante d’arte di origini polacche. L’atmosfera è quella dei film di Carnet con caffè bui e fumosi, squallide camere d’albergo. Marya, nonostante il carattere distaccato del marito, sembra relativamente felice. Quando gli affari loschi di Stephan lo portano in prigione, la donna cade in preda allo sconforto e al terrore del futuro. E resta invischiata in una relazione torbida, accettando l’offerta di ospitalità di una coppia che le cede una camera libera nel proprio appartamento. All’inizio, Marya pensa di aver trovato il rimedio al suo precario stato, ma poi è attraversata da repulsione e nel contempo dall’incapacità di sciogliere l’ambiguo legame Al di là della trama, il romanzo è attraversato da messaggi subliminali che ci parlano di fragilità e di autodistruzione, proprie, purtroppo, all’autrice stessa che sa mantenere,  nella scrittura, un ritmo tutto suo che allude senza tutto svelare, creando il fascino di un’allucinata realtà sospesa..

Grazia Giordani

 

Annunci

6 responses to this post.

  1. Grande riscoperta di Adelphi

    Rispondi

  2. Grande curiosità ha generato questo post per come hai tratteggiato l’opera di Rhys e dei due romanzi recensiti.
    Forse non sarà il migliore ma quello che ha destato maggiormente il mio interesse è Quartetto che hai descritto con toni veramente superbi questa storia dai contorni dubbi e inquietanti.
    Sei sempre bravissima nel parlare di libri.
    Sereno pomeriggio
    Un grande abbraccio
    Gian Paolo

    Rispondi

  3. Posted by wolfghost on 31 maggio 2013 at 14:28

    Ottimo articolo sull’operato di Adelphi e buone recensioni, come sempre! 😉

    http://www.wolfghost.com

    Rispondi

  4. Wolf gentilissimo, come sempre.
    Smack

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: