Terzetto

L’ascensore «A che piano scende?» «Per ora non scendiamo, siamo fermi.» «Lei sarà fermo, io vorrei scendere.» «Se si potesse, io vorrei salire!» «Vede che è solo questione di mettersi d’accordo!» «Allora, andiamo!» ssssssssssssplascpataplasccccccccccccccccbummmmmmm «Cos’è questo rumore?» «Ah, niente, è solo la vecchietta del piano di sopra che è caduta nella tromba delle scale.» «Non sapevo che le scale suonassero!» «Solo la tromba, qualche volta, sempre in tonalità minore.» «Così diventano gradini?»

Lo sbadiglio «Si stirò, attorcigliata nelle coperte, e spalancò la bocca in uno sbadiglio così largo da contenere gran parte della sua vita. In effetti, fu proprio dentro quella voragine che ripresero a vivere i suoi fantasmi del passato Amori finiti, amori mai nati. Forse non stavano propriamente comodi, stuzzicati dalla lingua incatramata dal tabacco, così costretti dentro un’arcata di denti non proprio smaglianti.» «Non mi piace l’incipit di questo tuo racconto – le disse, placido, il marito – normalmente scrivi storie eleganti, dove si respira un’aria chic…» «Sono cambiata…» «Un nuovo amore?» «Nuove passioni?» «No, ma non riesco ad uscire dal mio stesso sbadiglio…» martedì, maggio 18, 2004 Il citofono «Benarrivata! Sei elegantissima!» «Guarda, Sergio come sta bene questo vestito a Lara e come la smagrisce, la fa sembrare una libellula!» «Ma Lara è una libellula.» «Sediamoci a tavola.» «Che bontà il tuo soufflé, Giuditta!» «Che prelibatezza!» «Grazie, grazie, grazie per la vostra divina ospitalità. E che cena squisita!» «Grazie a voi per la vostra preziosa presenza.» (Blinnnnnnnnnnnnnn ascensore in discesa) «Quella Giuditta peggiora di giorno in giorno; il suo soufflé era vomitivo.» «E Sergio è un emerito cornuto.» Morale: Mai ascoltare al citofono i commenti di amici che si stanno accomiatando da casa vostra… tanto più che Lara – mi assicurano – sembrava una mongolfiera…

Grazia Giordani

Data pubblicazione su Web: 18 Aprile 2006

 

Annunci

5 responses to this post.

  1. Mini raccontini demenziali

    Rispondi

  2. Solo in tonalità minore? E’ per questo che sono sempre tristi e diventano gradini!

    Rispondi

  3. Io li trovo ironici al punto giusto e per questo irresistibili.
    Buon giorno, cara Grazia, felice inizio settimanale.
    un bacio
    annamaria*

    Rispondi

  4. Non mi sembrano demenziali, mini sì ma divertenti. Racconti bonsai ricchi di spunti umoristici come la caduta della vecchietta e i commenti al citofono.
    Posso chiudere la giornata sorridendo.
    Notte e un grande abbraccio
    Gian Paolo

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: