Parlare da soli

  1. Tre a parlar da soli creano un dialogo che non vuol finire

    IL LIBRO. Secondo romanzo, talento ribadito
    Neuman avvince come solo i poeti Al termine vorresti altri capitoli

    Andrés Neuman

    Andrés Neuman

    • Aumenta
    • Diminuisci
    • Stampa
    • Invia
    • Commenti 
    • Andrés Neuman a 33 anni è già considerato un romanziere di raro talento. Nato a Buenos Aires, ha insegnato letteratura ispanoamericana a Granada. Nel 2010 ha segnato un colpo senza precedenti, vincendo l’Alfaguara e il prestigioso Premio della critica con Il viaggiatore del secolo, imponendosi come scrittore emergente del mondo ispanico. Ora mantiene le promesse con Parlare da soli (197 pagine, 14,80 euro) tradotto per Ponte alle Grazie da Silvia Sichel. Pagine perturbanti, intrise di crudele pietà, da far ripensare alle parole di Gesualdo Bufalino: «E se Dio avesse inventato la morte per farsi perdonare la vita?» Neuman indaga conflitti individuali incarnati da personaggi comuni. Si compongono due triangoli classici. Il primo affronta le relazioni interfamiliari ed è formato dai genitori, Elena e Mario, e dal figlio decenne, Lito; l’altro è composto ancora dai due coniugi, più Ezequiel, il medico che cura il marito malato grave, destinato a diventare l’amante di Elena. La malattia di Mario avanza inesorabile e, prima che sia troppo tardi, padre e figlio si mettono in viaggio, un ultimo viaggio da compiere insieme, un’esperienza decisiva, descritta secondo la perspicace ingenuità del bambino e la voce dolorosa e straniante di Mario che sta congedandosi dalla vita e vuole lasciare ai suoi cari il meglio di sé, cercando di immaginare il futuro dei familiari che gli sopravviveranno. Elena deve affrontare il dolore della perdita imminente, ma riesce ancora ad amare e a provare piaceri proibiti tra le braccia di Ezequiel che diventa l’antidoto del suo dolore. Questo medico double face — inappuntabile nelle sue mansioni cliniche, più che mai sporcaccione sotto le lenzuola — è pronto come uno sparviero ad approfittare della donna che, fortunatamente, è consolata anche dai suoi amatissimi libri. Per voce sua, incontriamo una vastissima gamma di frasi citate fra cui hanno giusto spazio anche Virginia Wolf e Irène Nèmirovsky, a proposito dei temi del dolore e della morte. Nel corso di tutta la breve narrazione, a capitoli alterni, per raccontare di sé e dell’amore per gli altri, ciascuno dei tre personaggi prende voce e parla da solo. I due adulti tendono a mentire a se stessi e soprattutto al piccolo Lito, amatissimo da entrambi. Eppure, abbiamo la sensazione che cerchino la vita più profonda dentro il loro legame e, nel contempo, fuori dal loro stesso dolore. Dopo la morte di Mario, la vita per Elena e Lito continua, anche se il padre e marito non smette di essere fra loro, nei loro ricordi. Dopo tanto strazio e anche tanto rammarico per la sua catartica sbandata amorosa, la vedova potrà dire: «Il prossimo passo che pure farà male, sarà lasciar entrare l’allegria. Se viene. Se la riconosco. Avverto già il contraccolpo: non quello della perdita, ma quello del rimorso per quello che ci guadagnerò». A lettura finita, si vorrebbe avere ancora pagine: veder crescere Lito, sapere se Elena si rifarà una vita… Capita se lo scrittore ha il passo di un poeta.
Annunci

5 responses to this post.

  1. Estremamente interessante è questo libro come traspira dalle tue parole e in particolare dalla chiusura del post.
    Se il lettore rimane con la curiosità si sapere cosa succede a Elena e Lito, vuol dire che la storia è stata avvincente.
    Un grande abbraccio
    Gian Paolo

    O.T. Aspetto una tua risposta per Caffè Letterario di marzo.
    Ciao

    Rispondi

    • Sei sempre un vero tesoro, Gian Paolo.
      Proponimi una data per marzo e vediamo se ce la faccio.
      Affettuosi pensieri da Grazia che ti considera un grande amico.
      (Venerdì 22 marzo “Hena” sarà presentato all’ IBS di FE)

      Rispondi

      • Mi segno la data e cercherò di non mancare. L’orario è quello delle 18?
        Come data avrei pensato al 13. Se va bene mer lo confermi.
        Per me è un vero èpiacere sapere che mi consideri un grande amico.
        Un abbraccio affettuoso
        Gian Paolo

      • L’orario penso sia quello dell’altra volta. Non ricordo se le 18 o le 17,30.
        Ma ti sarò più precisa.
        Teniamo il 13 marzo per il Caffè letterario.
        g*

  2. Io ho già cerchiato il calendario per non dimenticarlo e come farei a perdere un’occasione così ghiotta?
    L’ora? E’ un dettaglio.
    GP

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: