La sinfonia di Parigi

Irène e il Cinema
Che Irène Némirovsky abbia scritto capolavori con forte allure biografica, o si sia cimentata nella saggistica o nella sceneggiatura cinematografica, è sempre e comunque una fuori classe. Prova ne abbiamo, riguardo a quest’ultimo genere – leggendo La sinfonia di Parigi e altri racconti (Elliot, pp.91, euro 9, traduzione di Ilaria Piperno).
Infatti, l’autrice non ha mai negato l’influenza che il cinema ha esercitato sulla sua opera, anche quando questa influenza, evidente in romanzi come Suite francese e David Golder – con le dissolvenze incrociate e le sovrapposizioni d’immagine in linea col cinema d’avanguardia – le valse, nei primi tempi, la reazione ironica della critica. Si sa che gli innovatori, coloro che tentano nuove vie, sconcertano da sempre i cosiddetti benpensanti, coloro che restano ancorati al déjà vu, in quanto più rassicurante. ‹‹Il cinema – usava dire – è l’arte più vicina alla vita, la più apparentata alla verità››. Quindi, la settima arte può essere una straordinaria risorsa per la scrittura, una fonte di suggerimenti e spunti persino tecnici in grado di regalare maggior rilievo alle possibilità espressive. Coerente con le sue convinzioni, nel 1931, Irène scrisse lo schematico trittico compreso in Sinfonia di Parigi, tre racconti elaborati in un’ottica decisamente cinematografica con tanto di flashback, piani di sequenza e indicazioni sonore (musiche, colpi di clacson, suoni ambientali).
Natale, il racconto che sta al centro della triade, offre pungenti spunti sociali: la festività religiosa è occasione per stigmatizzare l’ipocrisia degli adulti. Papà e mamma non perdono l’abitudine di frequentare i rispettivi amanti, mentre i bambini, sinceramente gioiosi, rappresentano l’innocenza dell’infanzia. Non manca nemmeno una figlia minorenne, sedotta e abbandonata che ripiegherà sul fidanzato della sorella. Le adorabili perfidie della Némirovsky che guarda al mondo borghese con occhio spietato, punteggiano anche la sua scrittura cinematografica, ove i suoni e i rumori e le musiche sono così ben descritti da creare un vero effetto Dolby, per noi lettori che la stiamo leggendo, ammirati per il suo modo moderno e anticipatorio di concepire la scrittura.
Certo, non sono allegri i suoi racconti. L’occhio dell’autrice è troppo acuto per non vedere le brutture della vita che le sta attorno.
I suoni, naturalmente, e lo si evince anche dal titolo, sono particolarmente vivi in Sinfonia di Parigi, il racconto d’apertura, protagonista un musicista che abdica al talento, preferendogli un facile successo.
Il racconto che conclude la raccolta, Il carnevale di Nizza è particolarmente amaro. Incontriamo il classico triangolo, con tradimento all’interno della stessa famiglia.
Possiamo brevemente riassumere la trama, ma questi racconti vanno letti per goderne l’innovativa musicalità e per vederli in un ipotetico schermo perché sembrano vere proiezioni cinematografiche. E non è nemmeno escluso che un giorno possano veramente godere di questa fortunata sorte.
Grazia Giordani

Annunci

7 responses to this post.

  1. Deliziose prove di sceneggiatura sotto forma di racconto

    Rispondi

  2. E’ incredibile come vengano pubblicati sempre nuovi libri della Nemirovsky. Pare che abbia avuto una produzione incredibilmente feconda.
    Con le tue recensioni ho imparato a conoscerla e amarla con la sua scrittura leggera ma al tempo stesso profonda e incisiva.
    Leggevo da qualche parte che il meglio di sé l’ha dato con i racconti. Nel leggerti devo convenire che forse è vero.
    Un abbraccio
    Gian Paolo

    Rispondi

    • Il suo capolavoro, Gian Paolo, resterà sempre “Suite francese” – scritto quasi in diretta, mentre Parigi veniva occupata nel ’42 – poco dopo i nazisti la catturarono e condussero nel famigerato lager dove Irène chiuse i suoi giorni.
      Abbraccio.
      grazia

      Rispondi

  3. Tutto ciò che viene dalla penna della Nemirovsky è degno di essere letto ed io sono contenta di sapere che c’è una nuova pubblicazione.
    Convengo con te, cara Grazia, il capolavoro di Irène è Suite Francese, ma mi è piaciuto tantissimo anche David Golder, non sembra scritto da una giovane ragazza: scrivere di Alta Finanza non è da tutti.
    Non ho perso una pubblicazione e questo lo devo a te, cara amica.
    Grazie per questa bella recensione, ti auguro un buon fine settimana.
    con affetto
    annamaria

    Rispondi

  4. Anch’io faccio parte del fan club della Némy! D’altra parte come si fa a non amare quella scrittura sempre elegante e fluida, unita ad una grande capacità di analisi che trasforma i suoi scritti in studi di costume e critica spietata di un’alta borghesia in disfacimento…
    non sapevo di questa pubblicazione, cara Grazia sei una fonte inesauribile di informazioni!
    un abbraccio

    Rispondi

  5. Grazie, Maria, e grande abbraccio.
    grazia

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: