Genio e sregolatezza

Se ci sono scrittori che farebbero carte false pur di vedersi pubblicati, al di là delle loro reali capacità, ce ne sono altri – assai più rari – che optano in vita per la pubblicazione post mortem. Stranezza? Orgogliosa modestia? Difficile rispondere a posteriori a questa domanda. Fatto sta che alla seconda specie di uomini di lettere di brillante talento appartiene la complessa figura di Luigi Vecchi, dotato di una umanità e di una cultura talmente poliedriche e versatili che nemmeno la recente pubblicazione del suo romanzo Uno sconosciuto istante (Youcaprint Edizioni, pp.162, euro15) e della sua silloge di racconti Prima le donne (Youcaprint Edizioni, pp.188, euro 15) e l’annuncio di una solleticante mostra Genio e sregolatezza, omonima del catalogo che ancora la Youcaprint ci propone con un goloso assaggio delle spiritose vignette, possono farci comprendere in esaustiva misura, perché se esistono uomini impossibili da catalogare o chiudere dentro un’etichetta, questo è proprio Gigi Vecchi che – come afferma la sua amatissima compagna Simonetta Villoresi, curatrice delle edizioni cartacee di cui sopra e dell’esposizione preannunciata che creerà un certo scalpore a Bologna -‹‹certamente Gigi, non come penalista soltanto, ma come uomo, rappresentò quello che viene definito “un punto di riferimento culturale”. Ma in questo libro (Genio e sregolatezza ndr.) non è della sua intelligenza, umanità e cultura che voglio parlare, ma della sua allegria che oggi mi spinge a voler ricordare insieme a voi per sorridere ancora una volta con lui. Le vignette restituiscono, sdrammatizzata, la visione che Gigi aveva dell’umanità, ma specialmente del suo “emozionato” rapporto con la femminilità che, tra amore e insofferenza, delirio e passione, estraneità e partecipazione, rappresentò la croce e delizia della sua esistenza. Quante cose ci sarebbero da dire, ma le vignette parlano da sole e la comicità, la tenerezza, sempre e comunque, rendono tutto amabile come lo era lui e dunque lo rappresentano. Vorrei tanto che fosse ricordato con serenità e amore››.

Chi avrà l’opportunità, intanto,  di sfogliare con commosso divertimento, la raccolta di disegni umoristici del grande penalista, preceduti da toccanti lettere di coloro che hanno avuto la chance di conoscerlo, non potrà sottrarsi all’incuriosita voglia di leggere anche  il romanzo e la silloge di cui sopra. In Uno sconosciuto istante Vecchi ci fa viaggiare dentro l’anima di un uomo (Autobiografico? Forse sì) rimasto solo con il proprio sentimento della vita, illuminato da una presenza invisibile. Qui incontriamo pagine dolcemente ironiche, alternate ad altre di struggente angoscia, dentro cui rifulge la sua coscienza di uomo sottilmente tesa alla comprensione dell’altro, una capacità di compenetrarsi nei meandri del cuore del prossimo che sa farsi “compassione”, partecipazione di un pathos alto, di rara capacità.

In Prima le donne, l’Autore ci offre una variegata galleria di personaggi, protagonisti di racconti che cavalcano tragedia e piacevolezza con eguale capacità espressiva, sul filo di una prosa musicale e arguta, in piena sintonia con la personalità dello scrittore.

Una vita super intensa, la sua. Innumeri i suoi processi – quasi sempre a difesa – tra cui ricordiamo: il caso Nigrisoli, Don Zeno, suo amico fraterno, per Nomadelfia; Pasolini suo amico personale; fu molto vicino al Cardinale Lercaro e contò amici dello spettacolo come Ava Gardner. Marlon Brando, Laura Betti e scrittori della statura di Ottiero Ottieri.

Ci accorgiamo, scrivendone, di come sia impossibile dipingere a tutto tondo il ritratto di una personalità tanto geniale. Ma, nel contempo, non possiamo nascondere l’affettuoso rimpianto che ha lasciato in noi, avendolo stimato e a lungo conosciuto.

Grazia Giordani

Annunci

15 responses to this post.

  1. Prossimamente anche nel cartaceo, ancora non so con quale titolo e quali foto.

    Rispondi

  2. Sono i modesti gli uomini migliori, cara Grazia e l’esempio ci viene da questo grande uomo di talento e profonda umanità. Tu ne tracci salienti note in una recensione tanto interessante e profonda. Grazie per la segnalazione.

    un abbraccio affettuoso
    annamaria

    Rispondi

  3. Posted by wolfghost on 7 settembre 2012 at 21:36

    Già, chissà quanti tengono nel cassetto scritti che sarebbero estremamente interessanti e che invece non verranno mai alla luce. E’ un peccato, anche se trovo che oggi Internet dia la possibilità un po’ a tutti di scrivere almeno qualcosa 🙂 Certo… non forse un libro così! 😛

    http://www.wolfghost.com

    Rispondi

  4. Posted by Simonetta Villoresi on 8 settembre 2012 at 16:04

    Amica mia, sono venuta in visita al tuo sito e ti abbraccio per l’affetto che hai trasfuso nelle pagine che hai voluto dedicare a Gigi.Tu , Lino e Eugenio siete sempre nel nostro cuore
    Simonetta Villoresi

    Rispondi

  5. Altrettanto posso dire di te di Lui.
    Lo sai bene, Simonetta.
    Bacio.
    Grazia

    Rispondi

  6. Ecco: ho conosciuto una persona di cui non sapevo molto.
    Concordo con ciò che dice il lupo 🙂
    Felice serata!

    Rispondi

  7. Felice mattinata a te, cara Alessandra

    Rispondi

  8. Internet è qualcosa di meraviglioso, quando fa conoscere talenti e persone straordinarie come lo scrittore che presenti, e tante altre che ho potuto accostare solo attraverso la rete. tu sei tra queste eccezionali presenze, sono felice di averti conosciuto e di avere appreso tanto dai tuoi bellissimi post.
    un abbraccio e buona giornata

    cri

    Rispondi

  9. Stima e affetto del tutto contraccambiati, Cri. mio Poeta del cuore.
    g

    Rispondi

  10. Mi ero perso questo post. WP ogni tanto si dimentica e fa lo smemorato.
    Interessante libro e interessante passaggio post mortem.
    Come sei solita, stuzzichi la curiosità dei tuoi lettori con una presentazione veramente azzeccata.
    Un abbraccio
    Gian Paolo

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: