Divisioni multiple

    • DIVISIONI MULTIPLE
ARTE. Attesa per la rassegna a Palazzo Roverella dal 25 febbraio
I Divisionisti a Rovigo: una grande mostra sui virtuosi che accostano colori puri per rendere otticamente le sfumature. Da Pellizza a Segantini: poi fu Futurismo MULTIPLE

14/02/2012

Zoom Foto

Carlo Carrà, Uscita da teatro, olio , 1909, Estorick collection, Londra

C’è attesa per la mostra rodigina «Il Divisionismo – La luce del moderno» che a Palazzo Roverella dal 25 febbraio al 24 giugno 2012 documenterà un’emozionante stagione dell’arte italiana, riproposta con una serie di opere — talvolta ignote agli stessi storici dell’arte, provenienti da collezioni private — a illuminare gli anni tra il 1890 e il periodo postbellico della Grande guerra. A promuovere la mostra sono la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo con il Comune di Rovigo e l’Accademia dei Concordi. L’atto che sancisce la nascita del Divisionismo è alla Triennale di Milano, dove nel 1891 viene esposto il quadro Le due madri di Giovanni Segantini, secondo alcuni esponente principale di questo movimento pittorico, mentre altri gli preferiscono Pelllizza da Volpedo. I principi comunque furono delineati da Gaetano Previati. Negli anni in cui in Francia Signac e Seraut, esponenti del Pointillisme, punteggiano il Neoimpressionismo, anche in Italia ci sono artisti che si confrontano con l’uso diviso dei colori complementari, dimostrando originalità. È la luce del moderno, come dice il sottotitolo della mostra. Nel Divisionismo italiano i puntini e le barrette dei francesi diventano piuttosto filamenti frastagliati, spesso inclini a sovrapporsi, piuttosto che ad accostarsi. Al di là delle differenze tecniche, gli artisti italiani mirano a sottolineare gli stati d’animo, l’intimità, l’allegria, persino l’ideologia politica, soffermandosi in maniera determinata sui sentimenti e sulla forza delle passioni. Pittura di luce, a servizio di emozioni. I curatori dell’esposizione, Francesca Cagianelli e Davide Matteoni è, si sono proposti di «rileggere la storia di questo magico momento dell’arte italiana valorizzando figure come quella di Vittore Grubicy de Dragon e il suo particolare Divisionismo fatto di musica e di ricerca scientifica. Quindi, Plinio Novellini, icona del Divisionismo tra Toscana e Liguria, prototipo di quelle diverse dimensioni territoriali che sono forse la maggior ricchezza del movimento e che questa mostra mette, per la prima volta, in giusta evidenza. Poi, i grandissimi: Previati, Segantini, Morbelli, Pellizza da Volpedo». Partendo dal ricordo della storica Sala Divisionista della Biennale del 1914, arriveremo alla straordinaria stagione di artisti come Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Gino Severini, Carlo Carrà e alla Secessione Romana. Estremi, geniali lampi di una stagione pittorica che si avvia alla chiusura per entrare nella novità del Futurismo. Suddivisa in otto sezioni, la mostra ci farà entrare ne «L’alfabeto di Vittore Grubicy, la polifonia della Natura», conducendoci, a seguire, verso «L’innovazione tecnica e gli archetipi del paesaggio», cui seguirà «La via antinaturalistica: le ore del giorno, la melodia delle stagioni». Nella quarta sezione incontreremo i «Divisionismi sulla costa: lo studio del mare». Quindi «Il Divisionismo ideologico da Nomellini a Morbelli». La sesta sezione sarà dedicata a «La psicologia della vita moderna», nella settima ci attebndono «Miti e simbologia» per arrivare infine a «Il cosmo secondo i divisionisti: la pittura ideista verso la svolta eroica». A tre settimane dall’apertura, le prenotazioni sono più del doppio rispetto alla mostra rodigina dell’anno scorso.

Grazia Giordani 
PUBBLICATO il 14/02/2012 in Arena e nei consueti quotidiani
Annunci

23 responses to this post.

  1. Una mostra veramente imperdibile

    Rispondi

  2. Bella e interessante rassegna di un periodo pittorico controverso e per molti aspetti sottovalutato nel panorama italiano. Ad esempio Previati non è notissimo ma quasi sconosciuto al grosso pubblico. Pelizzo da Volpeda è più noto col famoso quadro “Quarto Stato” che col resto della sua produzione. Segantini invece per le sue opere a sfondo agreste, se non ricordo male la prima produzione artistica.
    Quindi questa mostra permette di conoscerli meglio. Ottima occasione per passare una splendida giornata d’arte.
    Un abbraccio
    GP

    PS: abbiamo redatto il calendario degli interventi su Caffè letterario, come ti abbiamo scritto al tuo indirizzo di mail. A te è toccata in dono la data di Mercoledì 7 Marzo.

    Rispondi

  3. Interessante, per me è parecchio fuori mano ma sono sicuro che avrà buon successo. E poi di “Palazzo Roverella” mi è già simpatico il nome! 😛
    Sempre attenti e puntuali i tuoi articoli 😉

    Rispondi

  4. Che classe che hai, mia cara Grazia! Sono onorata di avere un’amica che padroneggia la cultura come fai tu. Complimenti! Un abbraccio grande, L.

    Rispondi

  5. Una sperimentazione entusiasmante, che prelude a un’era di sperimentazioni. Un uso nuovo del colore, per costruire con la luce. Bell’articolo, Grazia, per una mostra che merita.

    Rispondi

  6. Una segnalazione interessante e raffinata fatta con la solita competenza che ti contraddistingue. Grazie per queste informazioni: è senz’altro una mostra da non perdere!
    Buona giornata, carissima Grazia, sei un pozzo di cultura.
    con sempre più affetto
    annamaria

    Rispondi

  7. Peccato non poterci andare…molto interessante ^^
    ps Pellizza è nato in un paesino vicino alla mia città..c’è la casa natale .. il suo studio

    Rispondi

  8. Come sempre, passare da te è occasione di informazioni culturali degne di nota. Che provocano rammarico nella impossibilità di farle proprie con una visita.
    Un sorriso per un sereno fine settimana.
    ^____^

    Rispondi

  9. Sei brava in tutti i campi!
    Un caro saluto*

    Rispondi

  10. Posted by elis19mr on 22 febbraio 2012 at 11:46

    Preziosa informazione, sarebbe bello esserci!
    🙂

    Rispondi

  11. Grazie!
    Molto interessante; ho condiviso in fb
    la tua informazione culturale
    un sorriso
    Chiara

    Rispondi

  12. Un sorriso per un sereno fine settimana.
    ^____^

    Rispondi

  13. Un sorridente pensiero per Key
    g

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: