Denaro, cinismo e la giustizia verrà ridicolizzata

Leggendo Giustizia,  l’opera più nota di Friedrich Dürrenmatt (Kolonfingen, 1921-Neuchâtel 1990) pubblicato da Adelphi (pp.211, euro 18), nella bella traduzione di Giovanna Agabio,  siamo spinti ad un’inevitabile catena, quasi una girandola  di considerazioni su come la giustizia non sia necessariamente giusta, spesso ridotta ad un mero meccanismo, gestito dagli uomini, quindi soggetta alle tante imperfezioni degli esseri umani, talvolta vittime degli umori del momento, per cui è persino possibile giungere al limite di alterare la verità attraverso il concetto di giustizia. Un romanzo molto duro, venato di sarcasmo, questo dell’autore svizzero che manifesta, senza mezze parole, il suo disprezzo per i plutocrati della sua terra,  spesso graziati dai privilegi procurati dal troppo denaro. Un noir con l’assassino nell’incipit potrebbe apparire di scarso interesse, invece la tortuosa mente di Dürrenmatt   sembra divertirsi a servirci un mistero rovesciato in cui l’assassino non si professa mai innocente, ma accetta il processo considerandolo doveroso. Quindi, Isaak Kohler affronta addirittura gioiosamente il carcere, divenendo detenuto modello,  condannato a vent’anni di reclusione, ma da lì tesse la sua perfida tela, ordendo il suo piano da giocatore di biliardo ‹‹à la bande›› – come dice l’autore -, ovvero un piano di alta slealtà, che colpisce alle spalle. Uomo ricco e potente (consigliere cantonale), si rivolge ad un avvocato, dopo la condanna, ma non cerca un principe del foro, un suo pari, come sembrerebbe naturale, piuttosto assolda Spät, un avvocato di poco conto, molto povero e dedito all’alcol, quindi facilmente manovrabile secondo le sue losche mire. La richiesta parrebbe balorda ed impossibile, ovvero riprendere in esame il caso, partendo dall’ipotesi che il committente non sia il vero omicida. L’inesperto avvocato accetta, premuto dal bisogno di denaro, credendo addirittura di potersi concedere il lusso di prendersi gioco delle paradossali proposte di Kohler. L’assassino riesce a muovere sfrontatamente dal carcere alcuni uomini pedine del suo torbido piano:  primo fra tutti lo stesso Spät, che è il vero protagonista della trama, il narratore che accetta una sfida contro la realtà, ottenendo il mortificante risultato – grazie ai suoi errori e alla sua ingenuità (per non parlare delle troppe bevute e delle male frequentazioni da bordello) – di vedere il committente assolto con formula piena.E qui inizia il metaromanzo (Pirandello docet col suo Sei personaggi in cerca d’autore), ovvero il romanzo nel romanzo, per cui l’avvocato beffato decide di scrivere la sua storia, l’avventura del suo fallimento, preannunciandoci l’epilogo che non abbiamo nessuna intenzione di rivelare. Il protagonista, caduto nel tranello dell’astuto consigliere cantonale,  lotta con tutto se stesso nell’intento di ristabilire una vera giustizia. Ci riuscirà? Solo le ultime pagine del romanzo sveleranno l’arcano, lasciandoci abbastanza sbalorditi e soprattutto inclini a meditare sulle considerazioni dell’autore: ‹‹Chi è colpevole? Chi dà l’incarico o chi lo accetta? Chi vieta o chi non osserva il divieto? Chi emana le leggi o chi le infrange? Chi concede la libertà o chi la ottiene?››. Dunque, nella fattispecie,  tra l’avvocato premuto dal bisogno e il ricco committente chi è il maggior colpevole? Sono piuttosto le leggi ad essere imperfette o è l’assassino un abile manovratore della giustizia?Un romanzo inquietante, addirittura metafisico, una vera festa della suspense e del grottesco, soprattutto un romanzo dell’impossibilità della giustizia.

Pubblicato lunedì 28 novembre 2011 in Arena, Giornale di Vicenza e Bresciaoggi

Grazia Giordani

Annunci

7 responses to this post.

  1. Cara Grazia, è davvero carina questa nuova casa, discreta e rasserenante.

    Ho letto con estremo interesse questa tua superba recensione, come del resto tutte le altre. La storia riguarda la giustizia e nello specifico è abilmente manovrata da chi ha commesso il reato, quindi un libro interessante per gli sviluppi impensati. Direi che in merito alla giustizia non sempre rispecchia il suo significato e tanti innocenti, invece, scontano pene non commesse.
    Grazie per questa tua segnalazione.
    un abbraccio serale
    annamaria*

    Rispondi

  2. E’ un raro dono averti per amica, Annamaria.
    Bacioserale.
    grazia

    Rispondi

  3. bella la nuova casa, e sempre interessantissimo ciò che scrivi.
    un abbraccio
    buona serata
    cri

    Rispondi

  4. Un riabbraccio grato a te, Cri, lusingata dalle tue belle parole.
    grazia

    Rispondi

  5. Mi ha incuriosito questo romanzo, descritto ottimamente, per l’intreccio nell’intreccio. E’ un film che abbiamo già visto e vedremo ancora, perché la giustizia è fatta e governata dagli uomini che per loro natura sono fallaci.
    Un grande abbraccio
    GP

    Rispondi

  6. Sono contenta, G.P. che t’incuriosisca il capolavoro di Dürrenmatt che – seppur giocato molto sul paradosso – ci fa meditare sull’annoso problema della giustizia ingiusta, scritto con l’ironia dei grandi autori.
    Abbraccio.
    grazia

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: