«Il matrimonio delle anime» di Warwick Collins


Scontro di anime


Un giovane e spirituale medico, Silas Grange, il suo collega più carnale ed anziano, Hargood e Celia Quill, un’ineffabile e misteriosa dama, formano il terzetto principale che anima le pagine de “Il matrimonio delle anime”(The marriage of Souls), il nuovo romanzo di Warwick Collins, che Ponte alle Grazie porta in Italia nell’attenta traduzione di Alessandro Peroni e Federica Rupeno.


Teatro d’azione dell’opera dello scrittore, già noto per il successo de “Il razionalista” (2001), è Lymington, sulle rive cupe e percorse da terribili burrasche del Solent, alla fine del Settecento, dove centinaia di esuli francesi hanno preso dimora dopo la Rivoluzione. E in linea perfetta con lo spirito del Secolo dei Lumi è l’atmosfera che si respira nel romanzo, un clima da “Liaisons dangereuses”, sullo sfondo fuligginoso ed oscuro, evocato dalle fornaci saline, in convulsa funzione, rischiarate ogni tanto da mortali incendi. Mare e paludi sono l’elemento liquido e spesso sinistro del suggestivo paesaggio, descritto con abile penna. Ma quello che qui più conta è il paesaggio interiore, quello delle anime. Acuta, brillante, indipendente, l’anima di Silas Grange, il giovane medico perdutamente ammaliato da Celia, la sorprendente, contraddittoria, elusiva ed affascinante figura femminile della narrazione, in epoca precedente amante di Hargood, ignaro padre di Jane, la figlia che Celia portava in seno, al momento dell’abbandono.


Certo è che questa è una trama che rischiamo di svilire banalizzandola in un secco riassunto e privandola del mistero che la pervade, dalla prima riga all’ultima della scrittura, impreziosita dalle squisite lettere senza risposta che Hargood invia a Leman – quasi un suo “alter ego” -, in cui narra le pene d’amore di Silas, il suo pupillo, vulnerato dalla partenza di Celia e in cui esprime un accorato esame di coscienza inerente i suoi passati libertinaggi, in piena linea con lo spirito del tempo in cui l’azione è collocata.


E’ soprattutto da questo univoco rapporto epistolare che ricaviamo la complessità dell’anima di Celia che ci viene dipinta quale “maitresse” di un lussuoso postribolo londinese e – nel contempo – dama benefica e dedita alle opere di carità a Lymington. Com’è possibile questo “doublage”? Come spiegarci questa doppiezza?


In essa, l’acuta mente indagatrice di Hargood vede la minaccia di un macchinazione per vendicarsi del tradimento amoroso; in effetti, nei suoi anni giovanili, il medico aveva sposato una spiritualissima donna, credendo di poter vivere una doppia storia d’amore, inducendo l’orgogliosa Celia ad abbandonarlo.


La mente pura e scevra da inganni di Silas, invece, non vede nulla di tortuoso e malefico nell’atteggiamento dell’enigmatica donna che continuerà a cercare ed inseguire con ostinato cuore.


A rendere sempre più intrigante l’enigma di Celia (diavolo o angelo?) riportiamo quanto Hargood scrive a Leman, a conforto di suoi sospetti: “Mi disse che non era pentita della sua vita precedente con me, ma che in quegli anni aveva nutrito la speranza che un giorno l’avrei vista come una donna onesta. La sua prolungata permanenza con me l’aveva persuasa che, se non poteva aspirare ad altra relazione che a quella dell’amante, allora avrebbe fatto in modo di rendere più ufficiale, e insieme pubblica, la relazione che gli uomini desideravano avere con lei. Affermò di non vedere nulla di male nell’opinione comunemente diffusa che gli uomini dovessero pagare per il piacere della compagnia femminile, dal momento che, in un certo senso, anch’io avevo pagato per la sua compagnia, mantenendola”.


Lasciamo alla curiosità dei lettori l’epilogo di questa intrigante trama, piena di colpi di scena, dentro cui abitano anche figure, per così dire minori, come quella dell’efficiente e simpatica governante, la Signora Thompson.


Vi anticipiamo soltanto che Hargood – dopo aver incontrato la figlia, per merito di Silas – parte per l’Africa, da dove si farà vivo con lunghe missive -, ma dirvi di più sarebbe veramente troppo, perché questo è un delizioso romanzo che va centellinato nelle sue minime pieghe e sfumature, alla ricerca – insieme ai suoi personaggi – di una verità poliedrica e difficile, atta a suggellare, appunto, “il matrimonio delle anime”. (g.g.)




Warwick Collins “Il matrimonio delle anime”  Ponte Alle Grazie  Pp 479  €17

Annunci

3 responses to this post.

  1. bentornata Gardenia…questo romanzo si adatta bene al clima autunnale che sta arrivando….un caloroso abbraccio.

    Rispondi

  2. Certo che ce n’è di carne al fuoco 🙂 Incuriosita. come sempre, sono. 🙂 Sil

    Rispondi

  3. Cara Gardenia… mi pare quasi di tornare a casa… Ben trovata. Per quanto riguarda il mio post sull’onestà ti ho lasciato risposta al commento. Baci, a presto.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: